Whistleblowing

Ultimo aggiornamento: 20 Maggio 2022

Whistleblower è il dipendente di una amministrazione che segnala agli organi legittimati ad intervenire le violazioni o irregolarità commesse ai danni dell’interesse pubblico.

La legge 30 novembre 2017, n. 179 “Disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato“, pubblicata nella  Gazzetta Ufficiale 14/12/2017, n. 291 ha modificato l’art. 54 bis del D.Lgs 30/03/2001, n. 165, in materia di tutela del dipendente o collaboratore che segnala illeciti.

Il segnalante invia una segnalazione al Responsabile per la Prevenzione della Corruzione del Comune di Grosseto:

  • per tramite dell’Applicazione informatica Whistleblowing messa a disposizione dall’ANAC alla pagina https://servizi.anticorruzione.it/segnalazioni/#!/,che consente la compilazione, l’invio e la ricezione delle segnalazioni di presunti fatti illeciti nonché la possibilità per l’ufficio del RPCT, che riceve tali segnalazioni, di comunicare in forma riservata con il segnalante senza conoscerne l’identità;
  • compilando il modulo disponibile sulla rete, procedendo alternativamente:
    • mediante invio elettronico al seguente indirizzo autorita.anticorruzione@comune.grosseto.it appositamente attivato, inserendo nell’oggetto la seguente dicitura “RPC”. L’indirizzo è monitorato esclusivamente dal Responsabile della prevenzione della corruzione che ne garantisce la riservatezza;
    • a mezzo del servizio postale, in doppia busta chiusa, indirizzata al Responsabile per la Prevenzione della Corruzione del Comune di Grosseto, P.zza Duomo, n.1 – 58100 Grosseto, recante la seguente dicitura “Riservata personale“;
    • a mezzo consegna a mano presso l’Ufficio Protocollo, in doppia busta chiusa, indirizzata al Responsabile per la Prevenzione della corruzione, recante la seguente dicitura “Riservata personale.“

Nella pagina sono disponibili: