Bandi e avvisi dell’Ufficio Attività Produttive

Ultimo aggiornamento: 21 Ottobre 2021

1) No Tax Area - Contributi per l'apertura di attività nel Centro Storico, a copertura del carico tributario e canoni (TARI, CANONE UNICO PATRIMONIALE)

Avviso per l’assegnazione di contributi economici finalizzati all’apertura di attività imprenditoriali appartenenti ai settori dell’artigianato e commercio in sede fissa (esercizi di vicinato), nella misura del 100% dell’ammontare complessivo del carico tributario e dei canoni (TARI, CANONE UNICO PATRIMONIALE) regolarmente pagati, che hanno avviato e avvieranno il loro esercizio dal 01.01.2021 fino al 31.12.2023, in unità immobiliari ubicate all’interno del centro storico di Grosseto, di cui alla  Determinazione Dirigenziale n. 1679 del 29.07.2021 di approvazione dell’avviso.

Di seguito è scaricabile la documentazione dell’avviso:

 

2) Contributi a fondo perduto a sostegno delle micro e piccole imprese

Avviso per la concessione di contributi a fondo perduto a sostegno delle micro e piccole imprese del commercio, dell’artigianato e dell’agricoltura del Comune di Grosseto a seguito dello stato di emergenza derivante dalla diffusione epidemiologica del Covid-19, di cui alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 274 del 14.07.2021; Determinazione Dirigenziale n. 1583 del 19.07.2021 di approvazione dell’avviso e Determinazione Dirigenziale n. 1757 del 06.08.2021 di modifica dell’avviso.

Termine ultimo di presentazione delle domande di contributo il 31.12.2021

Di seguito sono scaricabili avviso, modulo di domanda ed altri documenti informativi:

Per ulteriori chiarimenti ed informazioni è possibile contattare:

0564/488846 – Funzionario Responsabile del Servizio Attività produttive, Dr.ssa Rosaria Leuzzi;

0564/488852 – Istruttore amministrativo Davide Ceni;

0564/488858 – Istruttore amministrativo Flavia Mezzanotte;

Oppure via e-mail all’indirizzo: servizio.attivitaproduttive@comune.grosseto.it.

 

Graduatoria domande ed ammissione a contributo

Graduatoria delle domande ammesse al 22.09.2021;

Det. Dirigenziale n. 2224 del 19.10.2021 di ammissione domande al 22.09.2021;

 

Clicca per visualizzare o nascondere la sezione FAQ - risposte ai quesiti
dell'avviso per contributi a fondo perduto a sostegno delle micro e piccole imprese:

FAQ - Risposte a quesiti

  • A partire da quale data sono ammissibili le spese già sostenute?

Richiamando quanto indicato a pag. 4 del testo dell’Avviso, ai sensi dell’art. 2, penultimo comma, risultano ammissibili tutte le spese sostenute in data non anteriore al 01.01.2021, eseguite con modalità tracciabili di pagamento, così da poter verificare univocamente la data di saldo.

  • Al momento della presentazione della domanda devono essere già state saldate interamente le fatture per i cui importi si chiede il contributo?

Si; fatture e relative quietanze di pagamento tracciabili dovranno essere presenti a corredo della domanda, così da garantire una più celere verifica dell’ammissibilità al contributo.

Con Determinazione Dirigenziale n. 1757 del 06.08.2021 di modifica dell’avviso, sono altresì ammesse le spese sostenute mediante pagamenti in contanti; in tal caso la tracciabilità viene dimostrata allegando idonea documentazione fiscale corredata da una dichiarazione sostitutiva di atto notorio debitamente sottoscritta dal cedente/fornitore, attestante la quietanza del pagamento;

  • La domanda di contributo può essere trasmessa dalla PEC del procuratore intermediario delegato a tal fine?

Si; il modulo di domanda richiama esplicitamente la possibilità di indicare come domicilio digitale l’indirizzo PEC dell’impresa ovvero del soggetto intermediario, procuratore speciale, munito di delega da trasmettersi a corredo della domanda stessa.

I dati dell’impresa per cui si chiede il contributo dovranno comunque essere univocamente desumibili dal modulo di domanda e dalla documentazione trasmessa a corredo.

  • E’ necessario allegare alla domanda l’attestazione rilasciata da soggetti deputati alla presentazione di dichiarazioni fiscali, da cui risulti la sussistenza del requisito di micro o piccola impresa?

No; con Determinazione Dirigenziale n. 1757 del 06.08.2021 di modifica dell’avviso, viene rimosso lo specifico obbligo richiamato all’Art. 6, lettera b. ed all’Art. 7, IV punto dell’avviso; rimane pertanto valida ai fini dell’ammissibilità della domanda di contributo, l’attestazione rilasciata nella forma di autodichiarazione, già presente nel modulo di domanda;

  • Ai sensi dell’art. 2 dell’avviso, quali settori o codici ATECO risultano ricompresi ed ammissibili a contributo, soprattutto per “imprese del commercio”? Possono essere ammesse imprese del settore turismo, agenzie immobiliari, agenzie formative o studi professionali?

Nello specifico di “imprese del commercio”, l’iniziativa ammette a contributo le categorie di attività specificatamente richiamate nel Codice del Commercio della Regione Toscana, di cui all’art. 1 della L.R.T. n. 62/2018, di seguito richiamate:

    • commercio al dettaglio e all’ingrosso in sede fissa;
    • vendita della stampa quotidiana e periodica;
    • commercio su aree pubbliche;
    • somministrazione di alimenti e bevande;
    • distribuzione dei carburanti;
    • forme speciali di commercio al dettaglio;
    • attività fieristico-espositiva.

Le attività non ricomprese nella predetta normativa e che non risultino neanche iscritte all’Albo imprese artigiane ovvero all’Albo imprenditori agricoli, non sono pertanto ammissibili a contributo.

  • Nel merito delle spese di cui all’art. 1, lettera a) dell’Avviso, «servizi di marketing, promozione, pubblicità, comunicazione, fornitura di materiale informativo e conoscitivo di vario genere» è possibile ricomprendere anche promozione su piattaforme online, volantini, locandine, pubblicità su cartelloni, emittenti televisive?

Si; la specifica misura ammette qualsiasi intervento volto a promuovere l’impresa, comunque per beni e servizi acquistati da aziende presenti con sede legale ovvero operativa nel territorio del Comune di Grosseto.

  • Nel merito delle spese di cui all’art. 1, lettera a) dell’Avviso, «servizi di marketing, promozione, pubblicità, comunicazione, fornitura di materiale informativo e conoscitivo di vario genere» è possibile ricomprendere anche spese di sponsorizzazione per ottenere visibilità del logo ovvero di materiale informativo dell’impresa, all’interno di spazi di altra azienda, società sportiva o assimilabile?

Si; la specifica misura ammette qualsiasi intervento di promozione; pertanto, attraverso la sponsorizzazione, l’impresa concretamente promuove l’immagine dell’azienda e la propria attività per ottenere un ritorno positivo in termini di notorietà.

  • Nel merito delle spese di cui all’art. 1, lettera a) dell’Avviso, «servizi di marketing, promozione, pubblicità, comunicazione, fornitura di materiale informativo e conoscitivo di vario genere» è possibile ricomprendere anche la realizzazione di un nuovo sito web dell’impresa?

Si; la specifica misura ammette qualsiasi intervento di promozione; pertanto, la realizzazione di un sito web legato all’impresa migliora la visibilità favorendo l’indicizzazione dell’azienda, infine promuovendo le attività ovvero i servizi erogati dall’impresa.

  • Nel merito delle spese di cui all’art. 1, lettera a) dell’Avviso, «servizi di marketing, promozione, pubblicità, comunicazione, fornitura di materiale informativo e conoscitivo di vario genere» è possibile ricomprendere anche l’acquisto di una tenda dotata del logo aziendale?

Si; la specifica misura ammette l’acquisto di tende personalizzate con il logo e/o denominazione dell’impresa, sempre se visibili dall’esterno, quale strumento atto a richiamare l’attenzione dei clienti verso l’attività.

  • Nel merito delle spese di cui all’art. 1, lettera b) dell’Avviso, «spese per la realizzazione di lavori edili ed eventuali connesse forniture tali da rendere accessibili alle persone con difficoltà motorie ed ai portatori di handicap gli ingressi delle unità immobiliari […] compresi gli acquisti per dotazioni, strumentazioni e segnaletica per agevolare l’accesso e la fruizione interna ad ogni tipo di disabilità», è ammissibile a contributo anche l’acquisto e la posa in opera di nuovi sanitari con apposite strutture per agevolare seduta ed alzata, maniglione corrimano ed altri interventi puntuali per migliorare l’accessibilità e la fruibilità di locali esistenti da parte di clienti diversamente abili?

Si; le tipologie di intervento indicate sono comunque volte a migliorare la fruibilità dei locali a favore di soggetti diversamente abili, comunque per beni e servizi acquistati da aziende operanti con sede legale ovvero operativa nel territorio del Comune di Grosseto come indicato ai sensi dell’art. 1 dell’Avviso.