Grosseto è… partecipazione – Piano Strutturale e Piano Operativo

25 Febbraio 2020

logo_progetto_piano_strutturale_800_624

Il processo partecipativo

Il Comune di Grosseto vuole coinvolgere i cittadini nella formazione dei propri nuovi piani urbanistici attraverso un vero e proprio percorso partecipativo che consentirà a chi risiede o lavora, studia, soggiorna nel territorio, alle associazioni e alle categorie economiche di dare un contributo alla elaborazione dei contenuti del Piano Strutturale e del Piano Operativo, sia per il quadro conoscitivo che per le scelte strategiche. Gli strumenti che vengono utilizzati per coinvolgere la comunità sono di varia natura: incontri pubblici all’inizio e alla conclusione del processo partecipativo, incontri territoriali nei quartieri cittadini e nelle frazioni, incontri ristretti con specifiche categorie di portatori di interesse, laboratori tematici, laboratori di approfondimento e co-progettazione, un avviso pubblico, oltre che strumenti digitali, quali un questionario on-line ed un geoblog.

L’intero processo partecipativo si svolge in collaborazione con la Società “Simurg Ricerche”  di Livorno.

Il questionario

E’ possibile esprimere i bisogni della città, del proprio quartiere o frazione rispondendo al seguente questionario in forma anonima.

Le attività svolte

L’incontro pubblico

Il 25 Febbraio 2020 si è tenuto il primo incontro pubblico aperto a tutti i cittadini. Di seguito il report della giornata e la documentazione di approfondimento.

L’avviso pubblico

Contemporaneamente, nel mese di Febbraio, l’Amministrazione Comunale ha emanato, ai sensi dell’art. 13 del Regolamento di attuazione delle disposizioni dell’articolo 62 e del Titolo V della legge regionale 10 novembre 2014, n. 65 (Norme per il governo del territorio) un apposito Avviso Pubblico, aperto a tutti, per raccogliere proposte scritte finalizzate all’attuazione degli obiettivi e degli indirizzi strategici del Piano Strutturale e per definire le trasformazioni esterne al territorio urbanizzato. In data 16 Luglio 2020 sono scaduti i termini per la presentazione dei contributi oggetto di valutazione da parte dell’Amministrazione Comunale, che rivestono carattere propositivo e non vincolante. Non saranno fornite singole risposte alle proposte presentate.

Gli incontri ristretti

Si sono svolti anche incontri ristretti con specifici portatori di interesse, oltre che tavoli di analisi con la Consulta Tecnica Permanente. Si riportano la sintesi e la documentazione tecnica delle giornate di studio.

Gli incontri territoriali

Sono, inoltre, stati allestiti i laboratori territoriali nel Centro Storico il 27 Febbraio ed a Roselle il 05 Marzo, durante i quali i cittadini coinvolti hanno potuto interagire a diversi livelli.  A causa dell’emergenza sanitaria, tali iniziative di ascolto dei cittadini si sono dovute temporaneamente sospendere, per poi riprendere, in una fase successiva, nelle Frazioni. Gli eventi si sono tutti svolti all’aperto e secondo le regole di distanziamento fisico.


Il Garante dell’Informazione e della Partecipazione assicura ai cittadini, singoli e associati, l´informazione in ogni fase della redazione del Piano Strutturale e del Piano Operativo, come base di partenza per raccogliere idee, suggerimenti, proposte, da valutare da parte dell’Amministrazione Comunale. Le proposte che emergeranno durante gli incontri e attraverso gli strumenti multimediali saranno raccolti in un rapporto finale del Garante che dovrà indicare le iniziative poste in essere ed evidenziare i risultati delle attività di informazione e partecipazione, ai fini della formazione del Piano Strutturale e del Piano Operativo.

Contatti:

  • Marta Baici 0564 488693
  • garante.infopart@comune.grosseto.it
Deliberazione di avvio del procedimento del Piano Strutturale e relativi allegati

La deliberazione di avvio del procedimento del Piano Strutturale ed i relativi allegati sono pubblicati nella sezione amministrazione trasparente e consultabili ai seguenti link. Si avverte che per visionare i documenti firmati digitalmente (.p7m) è necessario disporre di un programma di firma elettronica.