Ufficio caccia e agricoltura

Responsabile: Rosaria Leuzzi

Contatti
Telefono ufficio: 0564 488846
Altri telefoni:
0564 488843
0564 488852
Fax: 0564 488817
Email: ufficio.agricoltura@comune.grosseto.it
Indirizzo: Via C.Colombo, n. 5, 58100 Grosseto (GR)

Orari di apertura
 
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
 
da
Lun
09:30
Mar
09:30
Mer
-
Gio
09:30
Ven
-
Sab
-
Dom
-
 
a
Lun
12:30
Mar
12:30
Mer
-
Gio
12:30
Ven
-
Sab
-
Dom
-
 
da
Lun
-
Mar
14:00
Mer
-
Gio
14:00
Ven
-
Sab
-
Dom
-
 
a
Lun
-
Mar
16:00
Mer
-
Gio
16:00
Ven
-
Sab
-
Dom
-
L'accesso agli uffici è consentito previo appuntamento via telefono, email e PEC.

RITIRO TESSERINI VENATORI CARTACEI STAGIONE 2022/2023

A partire dal giorno giovedì 11 agosto, sono disponibili per il ritiro i Tesserini Venatori cartacei per stagione venatoria 2022 – 2023.

Associazioni e referenti muniti di delega al ritiro massivo di tesserini venatori, possono prenotare appuntamenti dedicati in fasce orarie concordate, fornendo in anticipo un elenco dei nominativi di cui si detiene delega, per email o Whatsapp, così da velocizzare il rilascio dei tesserini venatori.

È possibile sin da oggi prenotare un appuntamento contattando l’Ufficio Caccia e Agricoltura del Comune di Grosseto, ubicato al piano 4 in via C.Colombo, n. 5, ai seguenti recapiti:

  • Utenti con iniziale del cognome da lettera “A” a lettera “L”: Tel. 0564 488843
  • Utenti con iniziale del cognome da lettera “M” a seguire:
    Tel. e Whatsapp: 0564 488852
  • ed all’indirizzo email dedicato: ufficio.agricoltura@comune.grosseto.it

L’Ufficio potenzierà l’orario di apertura al pubblico settimanale, consentendo il ritiro dei tesserini con appuntamento anche nei giorni di lunedì e mercoledì dalle ore 08:30 alle 13:00 e dalle ore 14:30 alle ore 16:30, nella disponibilità del personale presente.

Sarà data priorità agli appuntamenti; tuttavia, nella disponibilità temporale del personale presente, sarà erogato il servizio anche agli utenti sprovvisti di prenotazione.

Si ricorda che la riconsegna agli uffici comunali dei tesserini venatorio cartacei 2021/2022 deve avvenire entro il giorno 31 agosto 2022.

Si ricorda comunque che l’utilizzo del tesserino venatorio digitale mediante applicazione “TosCaccia” per smartphone, totalmente gratuita, sostituisce a tutti gli effetti la compilazione dello stesso ed esonera dal ritiro e riconsegna di quello in formato cartaceo.

I documenti necessari al ritiro del tesserino venatorio, ai sensi dell’art. 12 della Legge 11 febbraio 1992, n. 157 ed art. 6 della L.R. Toscana 10 giugno 2002, n. 20 ss.mm.ii., sono riepilogati di seguito:

  • licenza del porto d’armi in corso di validità;
  • tesserino venatorio 2020/2021, oppure ricevuta di riconsegna dello stesso;
  • allegato giallo (non dovuto per il primo anno);
  • ricevute versamento tassa regionale e tassa governativa in corso di validità.

Informazioni ed aggiornamenti per Stagione Venatoria 2022/2023

Con Deliberazione della Giunta Regionale Toscana n. 815 del giorno 18.07.2022, la Regione Toscana approva il Calendario Venatorio Regionale stagione 2022/23 per la Toscana, ed i relativi allegati.

A seguito di nuovo riscontro da parte dei competenti uffici della Regione Toscana, l’esercizio del prelievo nella giornata di Pre-apertura anticipata della caccia può essere esercitato esclusivamente da cacciatori residenti anagraficamente in Toscana. In tale  giornata è necessario l’uso esclusivo del tesserino venatorio digitale App “Toscaccia”.

A partire dalla presente stagione venatoria 2022-2023, è obbligatorio l’utilizzo della APP. Toscaccia per poter effettuare attività venatoria in Pre-apertura anticipata della caccia, e per l’abbattimento della specie tortora,e della specie piccione autorizzato in deroga. Maggiori dettagli sono disponibili alla pagina ufficiale in merito della Regione Toscana, disponibile cliccando il link.

Con Deliberazione della Giunta Regionale Toscana n. 695 del giorno 20.06.2022, la Regione Toscana autorizza il prelievo in deroga da appostamento della specie piccione (Columba livia forma domestica) al fine di prevenire gravi danni alle coltivazioni agricole locali, in presenza di colture ed attività agricole nei giorni di apertura anticipata della caccia autorizzati dalla Giunta regionale e nel periodo compreso tra il 18 settembre 2022 e il 30 gennaio 2023 compreso, nelle modalità di seguito indicate:

  • esclusivamente nei terreni ove sono state seminate o sono presenti coltivazioni di cereali autunno vernini, cereali a semina primaverile o oleoproteaginose (girasole, soia, colza, fava, favino, pisello, cece, cartamo, lino);
  • vietare la vendita dei capi prelevati;

Con Deliberazione della Giunta Regionale Toscana n. 645 del giorno 13.06.2022, la Regione Toscana autorizza il prelievo in deroga da appostamento della specie storno (Sturnus vulgaris) al fine di prevenire gravi danni alle coltivazioni agricole locali, in presenza di colture ed attività agricole nei giorni di apertura anticipata della caccia autorizzati dalla Giunta regionale e nel periodo compreso tra il 18 settembre 2022 e il 15 dicembre 2022 compreso, nelle modalità di seguito indicate:

  • nei vigneti, negli uliveti e nei frutteti, nonché in prossimità degli stessi per un raggio di 100 metri;
  • in presenza del frutto pendente e nei terreni in cui sono in atto sistemi dissuasivi incruenti a protezione delle colture;
  • non consentire l’uso di richiami della specie di riferimento;
  • vietare la vendita degli storni (Sturnus vulgaris) prelevati;

Ai sensi del Calendario Venatorio Regionale l’esercizio venatorio è consentito da un’ora prima del sorgere del sole fino al tramonto; per il periodo compreso fra la terza domenica di settembre e il 31 gennaio sono indicati i seguenti specifici orari:

  • dal 20 al 30 settembre: dalle ore 6,00 alle ore 19,00 (ora legale);
  • dal 1 ottobre al 15 ottobre: dalle ore 6,30 alle ore 18,30 (ora legale);
  • dal 16 ottobre all’ultimo giorno di validità dell’ora legale: dalle ore 6,45 alle ore 18,15 (ora legale);
  • dal giorno di ripristino dell’ora solare al 31 ottobre: dalle ore 5,45 alle ore 17,15;
  • dal 1 novembre al 15 novembre: dalle ore 6,00 alle ore 17,00;
  • dal 16 novembre al 30 novembre: dalle ore 6,15 alle ore 16,45;
  • dal 1 dicembre al 15 dicembre: dalle ore 6,30 alle ore 16,38;
  • dal 16 dicembre al 31 dicembre: dalle ore 6,45 alle ore 16,45;
  • dal 1 gennaio al 15 gennaio: dalle ore 7,00 alle ore 17,15;
  • dal 16 gennaio al 31 gennaio: dalle ore 06,45 alle ore 17,30.

Fa eccezione la caccia di selezione agli ungulati che termina un’ora dopo il tramonto.

La presentazione delle istanze deve essere effettuata esclusivamente tramite l'utilizzo del portale telematico SUAP

EMERGENZA COVID-19 - IN EVIDENZA

A seguito della cessazione dello stato di emergenza, ai sensi del D.L. 22 aprile 2021 n. 52 come convertito in Legge 17 giugno 2021 n. 87, modificato dal D.L. 08 ottobre 2021 n. 139, dal D.L. 26 novembre 2021 n. 172 e dal D.L. 24 marzo 2022 n. 24 come convertito in Legge 19 maggio 2022 n. 52, ed ai sensi del D.P.C.M. 02 marzo 2021, a cui si rimanda per una lettura esaustiva, inerenti disposizioni per il contenimento del contagio da COVID-19, sull’intero territorio nazionale decadono le limitazioni riguardanti l’obbligo di indossare mascherine, all’aperto e al chiuso, ed il possesso di green pass, base e rafforzato, con le eccezioni richiamate di volta in volta mediante specifiche Ordinanze Ministeriali del Ministero della Salute.

Di seguito, i riferimenti di legge:

EMERGENZA COVID-19 - RIAPERTURA ATTIVITA'

A seguito di nuova Ordinanza Ministeriale del 01.04.2022, sono state adottate le nuove “Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali”.

Di seguito, i riferimenti:

Materie trattate
  • Caccia e prelievo venatorio, Legge Regionale n. 3 del 12.01.1994, Rilascio e ritiro dei tesserini venatori.
  • Approvazione calendario Faunistico Venatorio con Delibera di Giunta Regionale e comunicato stampa sul sito del Comune per le modalità del rilascio del tesserino venatorio. Notifica segnalazioni recidive per violazioni in materia di prelievo venatorio, ai sensi della L.R. Toscana n. 03/1994 n. 3 art. 61, trasmesse dalla Regione Toscana;
  • Presentazione istanze richiesta deroga (Ordinanza del Sindaco n. 280 del 22.05.1995 e successiva Ordinanza n. 366 del 11.07.1995) allagamento laghetti artificiali e mantenimento in vivo della Gambusie per appostamenti fissi di caccia, L.R. Toscana n. 03/1994, art. 34, D.P.G.R. Toscana  05.09.2017, n. 48/R, Regolamento di Attuazione della L.R. Toscana 12.01.1994 n. 3;
  • Rilascio e rinnovo tesserino per la ricerca e la raccolta dei tartufi, ai sensi dell’art. 11 della L.R. Toscana n. 50/1995:
    • Modulistica presentazione istanza per il primo rilascio
    • Modulistica presentazione istanza per il rinnovo
      • Per l’attività di ricerca e raccolta si è tenuti al versamento, ai sensi dell’art. 23 della L.R. Toscana 50/1995, della somma di euro 92,96 sul c.c.p. n. 18805507  intestato a “Regione Toscana – Autorizzazione raccolta tartufi”; ovvero mediante codice IBAN IT57O0760102800000018805507. E’ anche possibile pagare online tramite piattaforma Iris PagoPA. Il versamento è valido fino al 31 dicembre dell’anno di riferimento; non è dovuto in caso di non esercizio, per l’anno solare, dell’attività di ricerca e raccolta. Maggiori informazioni sono disponibili sulla pagina ufficiale della Regione Toscana, al presente link.
  • Vidimazione documento di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli, Regolamento (UE) n. 273/2018. Trasmissione mensile dei documenti vidimati al Ministero delle Politiche Alimentari e Forestali, Ispettorato Centrale delle Repressioni Frodi dei Prodotti Agroalimentari in Firenze.
  • Mercato Filiera Corta dei Produttori Agricoli.
    L’amministrazione ha aderito al Progetto con deliberazione del 10.12.2008, con riferimento al decreto del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali del 20 Novembre del 2007 “Attuazione dell’art.1, comma 1065, della legge 27 dicembre 2006, n. 296”, sui mercati riservati all’esercizio della vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli.
    Presentazione istanza mezzo PEC all’indirizzo: comune.grosseto@postacert.toscana.it indirizzata all’Ufficio Agricoltura con allegato il Disciplinare sottoscritto da ogni imprenditore agricolo partecipante al Mercato. Hanno la precedenza i produttori agricoli della Provincia di Grosseto, secondariamente quelli delle altre provincia della Regione Toscana.
    Il mercato è approvato con Delibera di Giunta, l’Ufficio Agricoltura provvede ad inviarla al capofila del Mercato ed agli Uffici comunali competenti e prima dello svolgimento del Mercato ogni azienda agricola partecipante dovrà inviare tramite SUAP on line del Comune di Grosseto: Scia Sanitaria ai sensi del Reg. CE 852/2004 e del DPRG 40/R – 2006 con i relativi allegati ed autocertificazione sul possesso dei requisiti morali.
  • Apicoltura, L.R. Toscana n. 21/2009 e n. 49/2018, L’attività di apicoltura a fini commerciali è soggetta alla presentazione tramite SUAP on line di una SCIA d’inizio attività ai sensi degli articoli 19 e 19 bis della legge 7 agosto 1990, n. 241.
  • Raccolta del Funghi epigei, L.R. toscana n.16 del 22 marzo 1999 aggiornata alla L.R. Toscana del 21 marzo 2011 n. 10.
    Per i residenti nella Regione Toscana: versamento di € 13,00 per 6 mesi oppure € 25,00 per 12 mesi (con decorrenza dalla data del versamento).
    Per i non residenti nella Regione Toscana: € 15,00 per un 1 giorno di raccolta, € 40,00 per 7 giorni di raccolta, € 100,00 per un anno decorrente dalla data del versamento. Dati del conto corrente Regionale su cui effettuare il versamento: c/c n. 6750946 intestato a Regione Toscana, indicare nella causale “raccolta funghi epigei spontanei”.
Informazioni Convalida DOCO

Ricordiamo che ai sensi e per gli effetti del Decreto C.ICQRF n. 1021 del 17.06.2014, è consentito utilizzare la comunicazione mezzo PEC ai fini della convalida e trasmissione dei documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli (DOCO), di cui al Regolamento (UE) n. 273/2018, in applicazione degli art. 8, comma 4 ed art. 14 del D.M. 02 luglio 2013 e del D.M. 30 ottobre 2020.

Il documento MVV da vidimare può essere inviato quale allegato PEC alla casella dell’ufficio ICQRF territorialmente competente; nello specifico per questo comune: aoo.icqrf.fi@pec.politicheagricole.gov.it.

Maggiori delucidazioni in merito sono disponibili ai link di seguito:

Informazioni Caccia di Selezione

Specifiche informazioni inerenti la Caccia di Selezione al cinghiale ed altri ungulati, di competenza della Regione Toscana, possono essere ottenute accedendo alla pagina web dedicata, ovvero contattando l’ufficio territorialmente competente per la Regione Toscana ai recapiti di seguito:
055-4386596
055-4386598

Informazioni Pesca

Il conseguimento della licenza di pesca dilettantistica si ottiene effettuando il versamento degli importi richiesti nelle modalità specificate sulla pagina ufficiale della Regione Toscana, al presente link. E’ anche possibile pagare online tramite piattaforma Iris PagoPA.

L’importo delle tasse di concessione regionali dovute è così determinato:

  • euro 50,00 per la licenza di tipo A (Annuale Professionale);
  • euro 35,00 per la licenza di tipo B (Annuale Dilettantistica);
  • euro 10,00 per la licenza di tipo C (Quindicinale);
  • euro 1,00 per la licenza di tipo D (Giornaliera e per manifestazioni sportive);

L’attestazione di pagamento, quale il bollettino postale, sostituisce integralmente qualsiasi altro eventuale libretto per licenza di pesca. Non sono esenti dal pagamento gli over 65 anni; le esenzioni dal pagamento delle licenze di pesca sono riepilogate di seguito:

  • I minori di 12 anni;
  • L’esercizio della pesca a pagamento negli impianti in acque private (laghetti), e nelle acque in concessione.

Ulteriori delucidazioni possono essere richieste contattando l’ufficio territorialmente competente per Regione Toscana ai recapiti di seguito:
055-4386592
055-4386581

Di seguito, alcuni riferimenti utili:

  • Disciplina di regolamentazione per l’utilizzo di aree di pesca con canna da riva, durante il periodo di balneazione nel territorio del Comune di Grosseto, di cui alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 258/2018 ed Ordinanza del Sindaco n. 116/2021;
Informazioni raccolta Lumache

Ai sensi dell’art. 115 della L.R. Toscana n. 30/2015, nelle more dell’approvazione degli elenchi di cui all’Art. 83 della medesima Legge Regionale, restano in vigore gli allegati della L.R. Toscana n. 56/2000, che risulta abrogata, a cui continuano ad applicarsi le disposizioni della stessa Legge.

Pertanto, ai sensi e per gli effetti dell’allegato B1, tuttora vigente, della L.R. Toscana n. 56/2000:

  • Per Helix sp.pl. (Chiocciola) e Eobania vermiculata (Chiocciola marinella) sussiste divieto di raccolta dal 15/8 al 15/10 di ogni anno.
Raccolta riservata tartufi

Ai sensi dell’art. 6 della L.R. Toscana n. 50/1995 il rilascio del riconoscimento del diritto di raccolta riservata spetta al Comune territorialmente competente.

Con nota della Regione Toscana prot. 329586 del giorno 21.12.2009, nelle casistiche di aree demanio idrico, quali un corso d’acqua catastalmente individuato, o reticolo idrografico minore,  è ritenuta soluzione fattibile quella di far apporre dai titolari delle aree di raccolta riservata, all’intersezione tra l’alveo e il confine dell’area di raccolta riservata stessa, due tabelle sovrapposte ad angolo, l’una parallela al confine e rivolta all’esterno, l’altra parallela all’alveo e rivolta verso di esso.

Con Decreto Dirigenziale n.18783 del 27-10-2021 sono state approvate le Disposizioni e modalità di attuazione della misura F 1.22 azione c) “Interventi a favore della tartuficoltura“, per finanziare progetti di tutela, valorizzazione e ripristino ambientale del tartufo e delle aree tartufigene naturali regionali, presentati dai Comuni e dalle Associazioni dei raccoglitori di tartufi riconosciute, articolati secondo le seguenti tematiche:

  • tutela, promozione, valorizzazione economica del tartufo e dei territori tartufigeni;
    • possono essere finanziate iniziative quali organizzazione di fiere, manifestazioni, mostre mercato ed esposizioni, aventi per tema principale il tartufo toscano ed il territorio tartufigeno;
  • ripristino ambientale delle aree tartufigene naturali;
    • possono essere finanziate attività di miglioramento e manutenzione delle aree tartufigene naturali. Tra le attività possono essere inseriti: interventi selvicolturali (es. diradamenti, avviamenti all’alto fusto etc.), interventi di regimazione delle acque, interventi di ripulitura dalla vegetazione arbustiva infestante, rimozione vegetazione arborea caduta, secca e/o pericolante, anche al fine della prevenzione dagli incendi.

Nelle aree soggette agli interventi di cui alla misura non sarà possibile richiedere l’autorizzazione alla raccolta riservata di tartufi ai sensi dell’art. 6 L.R. Toscana n. 50/1995 nei cinque anni successivi alla conclusione dei lavori.

Aggiornato il 2022.04.22

Sono pubblicate le graduatorie definitive di ammissione e liquidazione  delle domande di contributo di cui alle iniziative a sostegno delle spese ed a ristoro della riduzione di fatturato ovvero dei nuovi avvii nell’anno 2020, delle micro e piccole imprese.

Maggiori informazioni cliccando il link.